Scio-pe-ro! Scio-pe-ro! Scio-pe-ro!

Scio-pe-ro! Scio-pe-ro! Scio-pe-ro!

Diciamo che il problema è lo sciopero?
Forse che i giornali (online) non hanno dato molto risalto alla notizia, se non solo giovedì?

Il realtà tutto questo non è il problema. Il problema è un altro.

Il problema sta nel fatto che se una persona compra un biglietto Venezia – Chiusi alle 18:20 di giovedì, per il treno delle 18:30, forse le FS non dovrebbero venderlo.
Soprattutto considerando che la tratta Venezia – Firenze non era ancora in fascia di sciopero, ma il regionale Firenze – Chiusi delle 21:12 si.
Così ti ritrovi alle 21:00 a Firenze senza alcuna possibilità di muoverti, se non un taxi che ti porta a Chiusi per qualcosa più di 200 euro.

Oppure con l’unico treno che torna a Venezia verso l’una di notte.

Quindi un viaggiatore:

  • Deve leggere i giornali spesso: li avevo letti mercoledì e non ho trovato notizie di sciopero. Ovviamente giovedì non avevo avuto tempo di leggere nulla. In stazione non ti diranno nulla. No, il fatto che quando ormai sei sul binario e sui display venga scritto che “potrebbero esserci ritardi”, non è un messaggio. Dimmi che la maggior parte dei treni sono ormai già soppressi. Non prendiamoci in giro.
  • Non ci si deve fidare delle FS: loro ti vendono il biglietto anche se il treno è già soppresso, senza segnalare nulla. A meno che la mancanza di orario di partenza e arrivo sul biglietto non possano essere indicativi di qualcosa (una JOIN fallita nella query di stampa?).
  • Per il rimborso devi fare in fretta: hai tempo solo fino a 24 ore dal termine dello sciopero e ovviamente, se il biglietto lo avevi preso nella stazione di partenza, è lì che devi tornare per farti rimborsare! Ah, il biglietto per il ritorno va rimborsato fino a prima della partenza del treno, altrimenti, altri soldi regalati alle FS.

E poi mi domandano perché viaggio sempre in macchina…

[Quanto qui descritto è stato da me vissuto direttamente, anche se non ero io a fare il viaggio, come supporto logistico per organizzazione e acquisto biglietti.]

[foto credits]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *